Acido D-Aspartico e Infertilità Maschile

Acido D-Aspartico e Infertilità Maschile

Lunedì 16 Dicembre 2013
Centro Genesis srl c/o Iatropolis
Caserta

Razionale

Nel ratto e in altri animali è stato dimostrato che dopo somministrazione di sodio D-aspartato (per os.) i livelli sierici di LH (ormone luteinizzante) e testosterone incrementano significativamente. Esperimenti in vitro effettuati sull’ipofisi di ratto hanno dimostrato che l’acido D-aspartico è capace di stimolare la sintesi dell’LH. Analogamente sul testicolo isolato esso induce la sintesi del testosterone. L’effetto del D-aspartato sul rilascio degli ormoni di cui sopra è stato anche dimostrato su altri animali sperimentali, come ad esempio sul coniglio, sul caprone e su lucertole.

E’ stato anche dimostrato che l’acido D-aspartico incrementa l’attività aromatasi, l’enzima che converte il testosterone in b-estradiolo e che l’effetto sulla sintesi del testosterone avviene nelle cellule di Laydig ed è coadiuvato dal gene stAT (steroidognic acute regulatoryprotein). Infine è stato osservato che il D-aspartato possiede anche la proprietà di modulare la secrezione di serotonina dalla ghiandola pineale.

Nell’ uomo due importanti studi sono stati condotti recentemente dal nostro gruppo di ricerca. Un primo studio pubblicato su Fertility and Sterility ha dimostrato che l’acido D-aspartico è presente nel liquido seminale e negli spermatozoi umano ed esiste una diretta relazione tra il contenuto del D-aspartico nel liquido seminale e spermatozoi e la qualità del seme. Nei soggetti oligoastenoteratospemici (basso numero di spermatozoi nel liquido seminale) e azoospermici (assenza di spermatozoi nel liquido seminale) la concentrazione dell’acido D-aspartico nel liquido seminale che negli spermatozoi è significativamente ridotto rispetto a quello contenuto negli stessi tessuti, ma proveniente da individui fertili.

In un secondo studio pubblicato su “ReproductiveBiology and Endocrinology è stato dimostrato che per trattamento orale del sodio D-aspartato a soggetti umani il livello plasmatico dell’LH e del testosterone aumenta significativamente rispetto a controlli. Esperimenti in vitro condotti sulla pituitaria di ratto, hanno dimostrato che l’effetto del D-aspartato sulla sintesi dell’LH avviene per opera del trasduttore di segnale cGMP (GMP ciclico), mentre la sintesti del testosterone ad opera del D-Aspartico avviene nelle cellule di Leydig e il trasduttore di segnale in questo caso è il cAMP (AMP ciclico).
Recentemente sono infine stati pubblicati dati relativi alla riduzione della frammentazione degli spermatozoi e della loro motilità nel loro liquido seminale di pazienti infertili.

Obiettivo del corso è quello di valutare tutte le implicazioni dell’acido D aspartico nella funzione riproduttiva maschile valutando i dati disponibili relativi all’impatto sulla steroidogenei e sulla spermatogenesi.

Programma

9:30 – 10:00
Welcome Coffee

SESSIONE I
Acido D-Aspartico e Infertilità Maschile
Moderatori: R. Ferraro, G. Chieffi

10:00 – 10:30
Acido D- Aspartico e funzione riproduttiva
Relatore: G. D’Aniello
Discussant: P. Izzo

10:30 – 11:00
Acido D- Aspartico e steroidogenesi nell’apparato riproduttivo maschile
Relatore: F. Di Fiore
Discussant: R. Gualtieri

11:00- 11:30
Acido D- Aspartico e spermatogenesi nell’apparato riproduttivo maschile
Relatore: G. Santillo
Discussant: V. Barbato

11:30- 12:00
Acido D- Aspartico e liquido seminale
Relatore: R. Talevi
Discussant: A. D’Aniello

12:00 – 13:30
General Discussion

13:30 – 15:00
Lunch

SESSIONE II
Acido D-Aspartico e Liquido Seminale
Moderatori: A. D’Aniello, G. Chieffi

15:00 – 18:00
“Hands on section” in laboratorio

Data

Lunedì 16 Dicembre 2013
Dalle ore 9.30 alle 18.00

Sede

Centro Genesis srl c/o Iatropolis
Via G. De Falco 24, 81100

Durata

La durata del corso è di 7 ore

referente-organizzativo-event-planet-group

Referente Organizzativo

Event Planet srl
Corso Umberto I, 90 – 80138 Napoli
081 552 9399